MIDI, il formato musicale Musical Instrument Digital Interface

MIDI, il formato musicale Musical Instrument Digital Interface

Con l’acronimo MIDI (Musical Instrument Digital Interface) si indica il protocollo standard per l’interazione degli strumenti musicali elettronici. Nato negli anni ottanta, è rimasto inalterato e viene ancora tutt’oggi ampiamente utilizzato nella produzione di musica elettronica.

Un file MIDI non contiene musica registrata come un comune file MP3, ma contiene delle direttive per la sua riproduzione, sono delle regole del tipo “suona la nota N per T secondi con lo strumento S, ecc.”. Questi file quindi sono di piccolissime dimensioni, contengono solo delle stringhe che occupano pochi KB, possono essere definiti una sorta di audio sintetico o di spartito musicale elettronico.

La riproduzione non è univoca. Dato che un file MIDI è un insieme di regole che devono essere interpretate da un sistema di riproduzione, quest’ultimo riproduce le note in un certo modo mentre un altro sistema potrebbe rispodurle in maniera differente, non è raro che un file midi riprodotto su un computer possa risultare differente dal suono riprodotto di un altro computer.

Photo Credit by Inha Leex Hale.

Pubblicato in Informatica, Programmazione Taggato con: , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*