I comandi Unix per gestire le directory

Come utilizzare i comandi Unix per gestire le directory: ls, cd, mkdir, rmdir e pwd

Ecco la lista dei comenti Unix per la gestione delle directory:

  • ls (list): visualizza il contenuto della directory specificata in ordine alfabetico, se nessuna directory è indicata visualizza il contenuto della cartella corrente. Ecco la struttura del comando ls:

        ls [opzioni] [directory o file]

    Le possibili opzioni del comando ls sono:

    • -a (all) per mostrare anche i file nascosti (il cui nome inizia con il punto);
    • -l (long) visualizza ulteriori informazioni sui file come il mode, il proprietario, la dimensione, ecc.;
    • -s fornisce la dimensione in blocchi dei file;
    • -t visualizza la lista dei file ordinati in base all’ultima modifica;
    • -1 (una colonna) consente di visualizzare i file in una singola colonna;
    • -F aggiunge “/” al nome delle directory e “*” al nome dei file;
    • -R consente di applicare il comando ls ricorsivamente nelle sottocartelle;
    • -i fornisce l’i-number (numero di iesimo-nodo) dei file.

    Ecco un esempio per visualizzare il contenuto della directory corrente:

        $ ls

    Per visualizzare anche i file nascosti (-a) e formatatti (-F):

        $ ls -F -a

  • mkdir (make directory): crea una directory a partire da quella corrente.

       mkdir [opzioni] directoryname


    Alcune delle opzioni del comando mkdir sono:

    • -m specifica il mode per la directory da creare;
    • -p genera anche tutte le directory gerarchicamente superiori necessarie.

    Per creare una cartella di nome myDir, a partire da quella corrente, con mode 775 scriveremo:

        $ mkdir -m 775 myDir


    Ecco come utilizzare il flag -p per creare più cartelle a partire da quella corrente

        $ mkdir -p dir1/dir2/dir2

  • rmdir (remove directory): rimuove le directory specificate. Per poter rimuovere una directory bisogna che sia vuota, avere il permesso di scrittura e lanciare il comando dalla directory genitrice. Il suo formato è il seguente:

        rmdir [opzioni] directory


    Alcune opzioni del comando rmdir:

    • -p per rimuovere ricorsivamente la directory e le subdirectory contenute nel path;
    • -s non mostra eventuali messaggi di errore generati dell’opzione -p.

    Esempio per rimuovere una directory a partire da quella corrente:

        $ rmdir myDir


    Ecco come rimuovere una directory e le sue subdirectory (che devono essere vuote):

        $ rmdir -p dir1/dir2/dir2

  • pwd (print working directory): consente di stampare il pathname della directory corrente.

        pwd

    Esempio:

        $ pwd
        /home/datrevo

    In modo equivalente si possono ricavare le stesse informazioni dalla variabile PWD:

        $ echo $PWD
        /home/datrevo

  • cd (change directory): cambia la directory corrente con quella specificata.

        cd [directory]

    Ecco un esempio per cambiare la directory attuale:

        $ cd newDirectory

    Per tornare alla directory genitore:

        $ cd ..

    Passa dalla directory che precede la corrente nell’albero delle directory.

        $ cd ~
        $ cd

Ecco l’indice degli articoli sui comandi Unix:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *