Cosa sono le query e come vengono gestite

Una query è quell’insieme di parole, numeri, e/o un simboli che digitiamo nei motori di ricerca. Ogni qual volta che vogliamo cercare qualcosa su Google, Bing o Yahoo, digitiamo una query. Tutte queste parole vengono chiamate “parole chiave”, in inglese keywords, sono le parole che vengono utilizzate per determinare i risultati della nostra ricerca.

Esempi di query sono del tipo “Qual è la capitale della Francia?”, “Quali sono le partite in cui Messi ha segnato un goal?”, oppure “Qual è il titolo della canzone che sto ascoltando?”

Esistono tanti tipi di query e posso essere suddivisi in differenti tipologie:

  1. Query per similitudine, si tratta di quelle query in cui viene proposto un esempio da seguire e restituite i risultati più simili all’esempio inserito. Ad es. ricercare i file audio che contengono 3 colpi di tamburo;
  2. Query per concetto, sono quelle query che si basano su concetti umano. Ad es. cercare tutti i video in cui Maradona scatta in avanti;
  3. Query spazio/tempo, si tratta di tutte quelle query in cui la ricerca è una combinazione nello spazio e nel tempo. Ad es. cercare tutte le sequenze in cui nell’area di rigore Careca effettua un passaggio a Maradona;
  4. Una combinazione delle precedenti.

Cosa sono le query e come vengono gestite

I programmatori che sviluppano un motore di ricerca devono tenere molte cose, come dell’incredibile numero di query definite “incerte”, l’utente sa riconoscere quello che cerca, ma non sa bene come descriverlo, occorre una fase di browsing. Esistono tre alternative che si possono utilizzare:

  1. Con una richiesta vaga, viene presentato un insieme ampio di risultati in modo da comprimere il più possibile l’interpretazione della query inserita;
  2. Permettere la ricerca su una tassonomia che organizza le informazioni in categorie, ecc.;
  3. Ricerca casuale su un insieme di risultati forniti a caso in modo da consentire all’utente un ampio margine di scelta.

Un buon motore di ricerca deve permettere ai propri utenti di poter raffinare la proprie query in base ai risultati ottenuti con le ricerche precedenti. La conoscenza del dominio e del profilo utente (in che città si trova, quali sono i suoi hobby, ecc.) sono di fondamentale importanza per raffinare i risultati di una query.

Pubblicato in Informatica, Motori di Ricerca, Sistemi Informativi Taggato con: , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*