Addio a Dennis Ritchie, il padre di Unix e del C

Addio a Dennis Ritchie, il padre di Unix e del C

Dennis Ritchie, l’uomo che ha collaborato allo sviluppo del sistema operativo Unix e del linguaggio di programmazione C, è morto. Dopo l’addio di Steve Jobs, il creatore della Apple, un altro grande lutto colpisce il mondo dell’informatica. Morto a 70 anni, Dennis Ritchie ha lasciato questo mondo dopo aver lottato a lungo contro una malattia che lo ha tormentato per anni.

Dennis Ritchie ha avuto un ruolo fondamentale per il mondo dell’informatica attraverso lo sviluppo di architetture software e strumenti fondamentali per molti dei dispositivi moderni. Entrato a far parte come il padre nella divisione di programmazione dei Bell Labs nel 1967, dove insieme a Ken Thompson iniziano a pensare ad una nuova filosofia del software e a come semplificare la scrittura in codice macchina. Per il proprio lavoro hanno ricevuto il premio Turing nel 1983, il cosiddetto “premio Nobel dell’informatica”, nel 1998 la National Medal of Science e quest’anno un’onorificenza in Giappone.

E’ stato tra i fautori del pensiero che avrebbe preso il nome di “open-source“, il codice libero che presuppone il rilascio dei codici sorgenti dei programmi in modo che chiunque possa utilizzare quel codice e modificarlo a proprio piacimento.

Addio a Dennis Ritchie, il padre di Unix e del C

Molte delle principali applicazioni moderne si basano sul linguaggio C, nato dopo il linguaggio B sempre sviluppato da Ritchie, dopo anni dalla sua invenzione, è ancora il secondo linguaggio di programmazione più utilizzato al mondo (il primo linguaggio di tipo non Object-Oriented). Basti pensare che anche Steve Jobs, con Mac Os X della Apple, e Linus Torvalds, il padre di Linux (il sistema operativo open source e gratuito più diffuso al mondo), hanno basato i propri sistemi operativi su Unix.


ngg_shortcode_0_placeholder

Photo Credit Peter.Hamer, Javi S&M

Pubblicato in Informatica, Linux, Opensource, Programmazione, Statistiche Taggato con: , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*